BUONI SPORT REGIONE LAZIO

LA NOSTRA ASSOCIAZIONE HA ADERITO AL “T&T Sport Network Lazio”.

E’ POSSIBILE QUINDI UTILIZZARE BUONI E VOUCHER PER TUTTE LE NOSTRE ATTIVITA’.

AFFRETTATEVI CHI HA I REQUISITI FACCIA DOMANDA.

 

  1. Buoni sport. Una misura dedicata alle famiglie per garantire a tutti la possibilità di praticare sport. I buoni sono rivolti ai ragazzi e agli over 65 con un reddito familiare ISEE fino a 20.000 euro (30.000 in caso di persone con disabilità) e possono essere utilizzati anche per la frequenza a centri estivi e centri aggregativi socio-educativi, purché nel programma siano contemplate attività sportive. Potranno usare il buono i minori tra i 6 e i 17 anni, per cui è previsto un contributo di 400 euro, e le persone anziane di età superiore ai 65 anni, per cui è previsto un contributo di 300 euro. 1.180.000 euro il totale delle risorse. La misura è gestita dall’Asp regionale Asilo Savoia. http://asilosavoia.it/sport-network/
  2. Voucher sport per ragazzi minori e under 26. Un sostegno alle famiglie in difficoltà economica a causa dell’emergenza Coronavirus che mette a disposizione voucher sport a parziale o totale copertura dei costi di iscrizione e delle spese sostenute dalle famiglie per consentire ai figli minori e ai giovani under 26 di praticare l’attività sportiva. Il voucher potrà essere utilizzato dalla data di emissione ed entro il 31 dicembre 2020. È valido anche per l’iscrizione e la frequenza a centri estivi e centri aggregativi socio-educativi, purché nel programma siano contemplate attività sportive. La misura è diretta ai giovani e ai possessori di Lazio Youth Card. Risorse per 800.000 euro, 8000 voucher da 100 euro. La misura è gestita dall’Asp regionale Asilo Savoia. http://asilosavoia.it/sport-network/

http://asilosavoia.it/cosa-facciamo/minori/tt-sport-music-network/

FINALMENTE SI RIAPRE

SIAMO FELICISSIMI DI RIPARTIRE CON LE NOSTRE ATTIVITA’ !!!!

Dal 1 Giugno ripartono tutti i nostri corsi, in queste due settimane abbiamo lavorato per rendere accessibile la nostra palestra rispettando tutte le LINEE GUIDA sia del ministero dello sport che della regione lazio, ripartiamo Lunedì con il corso di Karate e del pugilato amatoriale, a seguire il corso di posturale e qi gong giovedì e venerdì il tai chi. Speriamo di rivedervi tutte/i alle nostre lezioni.

Stage Nazionale Modena / Immagini

Stage Nazionale Insegnanti UISP Discipline Orientali 2019

All’interno del programma dello stage segnaliamo l’appuntamento con il Maestro Ferdinando BALZARRO, nostro Maestro e grande amico che seguiamo da molti anni.

SABATO 23 NOVEMBRE A MODENA PALESTRA CORASSORI DALLE 14

KATA MEIKYO

E’ mia intenzione, sperando di far cosa gradita ai praticanti con una certa esperienza, prendere in esame il Kata Meikyo considerandolo da differenti punti di vista non prettamente esecutivi (anche perchè la parola scritta più di tanto non può aiutarci), bensì di considerazioni più strettamente concettuali (il termine “filosofici” mi pare sovradimensionato). Come già esposto recentemente inizio citando un assioma a mio giudizio fondamentale: “non esistono kata superiori ma modalità superiori di esecuzione”, ove per “modalità superiore di esecuzione”, intendo la realizzazione pratica di quel perfetto quasi misterioso amalgama formato dal “gesto tecnico”, dall’utilizzo del respiro, dal puntuale alternarsi di contrazione e decontrazione, dal preciso intento applicativo (kata come combattimento reale). Ecco quindi che un kata come quello in esame, considerato dai Maestri Shotokan tra i più “alti” e complessi, mentre ad un primo sommario esame potrebbe configurarsi addirittura elementare (si pensi alla partenza in kiba a cui segue un Gedambarai e relativo Oitzuki (lo stesso, a parte la direzione, presente nell’Heian Shodan) portato sia a sx che a dx. Ebbene, proprio questa apparentemente identica partenza tra il primo Heian e il Meikyo, dovrebbe farci scattare il primo importantissimo momento di riflessione. E’ evidente che il Gedambarai-Oitzuki che l’incipit del Meikyo impone, dovrà dimostrare una evoluta capacità di esprimere, durante quella “elementare” sequenza (nessun problema di coordinazione o pura espressione atletica), un tasso di tale potente efficienza che consenta di travalicare determinati confini fisici muscolari, atletici, ritmici e coreografici, per trascendere e sconfinare in zone profonde ove regnano insondabili “energie interne” che attendono solo di essere rivelate e, naturalmente, utilizzate. Mi rendo conto di toccare corde che a taluni potrebbero far arricciare il naso, d’altra parte non so darmi altra spiegazione del reiterato utilizzo del Gedambarai seguito dall’Oitzuki all’interno del Kata che si studia molto avanti del personale percorso di ognuno. In altre parole: o durante lo studio del Meikyo, pur eseguendo il medesimo passaggio, tentiamo (attraverso l’unico sistema a me noto, cioè tanto allenamento), di raggiungere livelli sorprendenti sul piano dell’efficacia, oppure ci troveremo costretti a restare imprigionati in un’azione di per se stessa penosamente scontata e quindi affatto inutile al progetto di progressivo inarrestabile “miglioramento”.

Trofeo Barbaro – 1° tappa del campionato UISP Karate 2019/20

Sabato 9 Novembre presso l’impianto sportivo Sporting Roma si è svolta la competizione di Kata dedicata ai più piccoli Categoria Preagonisti, buona la partecipazione 8 società con un centinaio di piccoli atleti. La manifestazione è cominciata alle 14,30 per terminare alle 18,30 con le premiazioni degli atleti, il tutto in un clima mite e cordiale, i piccoli atleti si sono affrontati con le prove di Kata su due tatami, la nostra associazione ha partecipato con 9 atleti 3 del dojo Casalbertone e 6 del dojo Kiu Shin Riu. Di seguito alcune immagini della manifestazione.